Rel Canonical Tag – Dare priorità ai contenuti

30 Agosto 2023

Nel vastissimo universo mondo rappresentato dal SEO esistono tantissime strategie ed elementi necessari per migliorare e rendere più performanti a livello di algoritmo i contenuti di una pagina o di un sito web tra cui, uno dei più importanti è indubbiamente il rel canonical, un tag fondamentale per aiutare i motori di ricerca a dare priorità ad una pagina rispetto ad altre simili o duplicate.

L’algoritmo di Google (utilizzeremo per comodità il motore di ricerca più popolare) è studiato, infatti, per riuscire a comprendere il contenuto di una pagina web e proporlo in modo efficace agli utenti che fanno una ricerca.

A volte, però, se un sito Internet è raggiungibile da diversi URL o se presenta molte pagine con contenuti simili tra loro, il motore di ricerca potrebbe fare fatica a capire quale sia il contenuto prioritario.

È proprio in questo caso che il rel Canonical fa la differenza, aiutando Google a dare priorità ad una pagina di un sito, evitando che il motore di ricerca decida in autonomia.

L’algoritmo, infatti, cerca la massima chiarezza possibile quando rileva siti web e, se scopre che i contenuti di due o più pagine sono uguali, l’interpreta come duplicati, penalizzandone il posizionamento in SERP.

Saper applicare correttamente il rel canonical tag è fondamentale per chi ottimizza siti Internet per cui, andiamo a vedere cos’è nello specifico il rel Canonical tag, perché è così importante nell’ottimizzazione SEO e quali sono gli errori da non commettere.

Cos’è il Rel Canonical e a cosa serve

Prima di andare a vedere quali sono le applicazioni pratiche e come si utilizza questo strumento digitale, è fondamentale capire bene cos’è il rel Canonical tag e a che cosa serve.

Il rel canonical tag non è altro che un comando HTML, inserito nella sezione “head” di una pagina web, che indica ai motori di ricerca quale sia la versione che viene reputata principale o preferita.

In pratica, chi ottimizza le pagine web tramite questo strumento indica ai motori di ricerca di porre la propria attenzione su una pagina o su un contenuto specifico e, implicitamente, dichiara di essere a conoscenza del fatto che due o più contenuti siano identici o molto simili tra di loro.

Nonostante questa “presa di coscienza”, chiunque si occupi di SEO e di ottimizzazione siti web sa benissimo che occorrono entrambi i contenuti o entrambe le pagine per cui, si chiede all’algoritmo di Google di focalizzarsi esclusivamente su quello che viene reputato migliore, senza sprecare crawl budget per scansionare l’altro.

Nella sua forma essenziale il codice da inserire nell’head ha la forma <linkrel=”canonical” href=https://sito.com/articolo-esempio>, dove l’URL inserito rappresenta la pagina alternativa su cui si vogliono concentrare gli sforzi del crawler.

Come è facile intuire, il comando canonical non va inserito nella pagina di destinazione, bensì nella pagina di origine.

L’importanza del Tag Rel Canonical

Il tag rel canonical nel SEO ha un obiettivo semplice, in caso di contenuto duplicato, indica all’algoritmo di Google al quale deve essere effettivamente il contenuto o la pagina considerata.

In effetti, l’utilizzo dei duplicati agli occhi di Google è una pratica ingannevole, che si traduce in un’esperienza negativa per l’utente, poiché lo stesso contenuto può essere trovato ripetuto in una serie di risultati. Pertanto, i duplicati tendono penalizzare il posizionamento dei siti web che li contengono.

Tutto ciò è evidente quando si lavora sull’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca; è comune, infatti, trovare le stesse pagine, ma con URL diversi, tutti all’interno dello stesso sito.

Queste variazioni di indirizzo si verificano spesso in modo naturale nella costruzione del sito web, possono cioè essere create automaticamente dal content management system.

Ciò significa che il SEO specialist potrebbe non essere a conoscenza del fatto che una determinata risorsa web è stata duplicata è associata a un diverso URL, come accade spesso per le home page.

Il rel canonical facilita quindi la scansione del sito da parte dell’algoritmo di Google, suggerendo al motore di ricerca a quali pagine dare priorità per l’indicizzazione e il posizionamento.

Quando il bot di Google indicizza un sito, cerca di determinare il contenuto principale di ogni pagina e, se trova più risorse sullo stesso dominio che sembrano simili, sceglie la pagina che reputa più completa e funzionale, contrassegnandola come canonica.

Includere una piccola linea di codice (quella vista in precedenza) nella sezione dell’intestazione, collegando l’URL desiderato, spiega al motore di ricerca che quella pagina è l’indirizzo originale. Per motivi preventivi, si consiglia inoltre di assegnare un rel canonical tag ad ogni URL, se non è presente alcuna copia di quella pagina.

Quando utilizzare il Rel Canonical e gli errori da evitare

Il rel canonical va utilizzato quando più pagine hanno lo stesso contenuto, se sono ottimizzate con le stesse parole chiave e se hanno alcune proprietà simili come meta tag o titoli.

Più precisamente, in caso di pagine simili è importante scegliere una pagina canonica a cui dare priorità sulle altre:

  • Per specificare l’URL che si desidera far apparire nei risultati di ricerca;
  • Per raggruppare gli indicatori associati ai link per pagine simili duplicate;
  • Per semplificare il monitoraggio delle metriche relative a un singolo prodotto o argomento;
  • Per ottimizzare la scansione del sito, e quindi la user experience.

I vantaggi del rel canonical sono chiari: serve a comunicare a Google quale è la pagina più pertinente che si vuole indicizzare e si semplifica il lavoro dell’algoritmo, evitando che dia autonomamente la priorità alle pagine di un sito.

Correggere l’implementazione del rel canonical tag è essenziale per evitare problemi di contenuti duplicati e garantire una corretta ottimizzazione dei motori di ricerca.

Tuttavia, vi sono alcuni errori molto comuni da evitare quando si utilizza il rel canonical, tra cui:

  • Utilizzare URL non correlati: assicurarsi che il tag rel canonical punti all’URL correlato e appropriato. Non utilizzare URL casuali o non correlati.
  • Implementazione incoerente: assicurarsi di utilizzare il tag in modo coerente all’interno del sito. Se più versioni di una pagina condividono lo stesso contenuto, tutte dovrebbero avere un tag canonical puntato alla versione preferita.
  • Rel canonical in pagine originali o senza contenuto: non utilizzare il tag canonical sulla pagina originale, questo potrebbe causare problemi di indicizzazione confondere i motori di ricerca. Inoltre, non utilizzarlo sulle pagine vuote o senza contenuto rilevante.
  • Implementazione su pagine con contenuti diversi: non utilizzare il rel canonical su pagine con contenuti diversi solo per consolidare l’autorità di link. Il tag canonical deve essere utilizzato solo su pagine con contenuti molto simili o duplicati.

Gestire questi aspetti richiede tempo e competenza, ma basta un piccolo sbaglio per provocare danni alla visibilità di un sito web. Con l’utilizzo di un rel canonical URL SEO, qualsiasi tipologia di attività vedrà migliorare le prestazioni del proprio sito o del proprio e-commerce.

Noi di SEOM ti possiamo fornire una consulenza professionale per i servizi digitali e l’elaborazione di una strategia di comunicazione. Contattaci e ti aiuteremo a valorizzare la tua azienda. Scrivici ad info@seom.online oppure compila il forum qui.

Seguici per altre info… sempre su www.seom.online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie

Prenota una consulenza o chiedi un preventivo

In un'epoca in continua evoluzione, restare al passo con i tempi è di fondamentale importanza.
Scopri come la tua azienda può cavalcare l'onda del digitale.

Prenota ORA la tua consulenza, compila il form qui accanto!

email: info@seom.online
tel: +393807414690
Contatti
cross