Cosa sono i codici Captcha – Parte 1

01 Luglio 2022

Vuoi sapere di più e scoprire Cosa sono i codici Captcha e la loro funzione? Ecco tutto quello che devi conoscere.

Ti sarà sicuramente capitato, almeno una volta nella vita, di entrare su un sito web e avere a che fare con un codice Captcha. Si tratta di uno di quei codici alfanumerici che si trovano sui moduli di iscrizione dei social network o di altri siti.

Nella maggior parte dei casi sono scritti in maniera illogica e poco comprensibile ma, senza il loro “permesso” non riusciamo ad andare avanti e proseguire il nostro percorso sul sito web.

Sono elementi informatici che servono per distinguere se, dall’altro lato dello schermo, si nasconde una persona in carne ed ossa oppure un bot. In altre parole, sono sistemi studiati per la sicurezza e l’usabilità della navigazione Internet.

Test di Turing: dal gioco dell’imitazione ai captcha

Per capire cos’è un captcha bisogna, anzitutto, partire dal suo nome. Captcha, infatti, è l’acronimo di, tradotto dall’inglese: test di Turing completamente automatizzato e pubblico per distinguere computer dagli umani.

Il test di Turing, ideato dal matematico inglese Alan Turing nel 1950, è uno dei primi tentativi realizzati dall’uomo di misurare il grado di intelligenza artificiale di un computer.

Questo test, che prende spunto dal “gioco dell’imitazione” è un criterio per determinare se una macchina sia in grado di pensare come un essere umano. In pratica, questo gioco vede la partecipazione di tre persone: un uomo, una donna e un intervistatore.

Nella prima fase del test, le tre persone si trovano in stanze separate e comunicano attraverso la scrittura. L’intervistatore pone delle domande e deve capire il sesso del suo interlocutore. I due partecipanti, però, hanno scopi diversi. Infatti, uno dei due deve essere sincero mentre l’altro deve mentire. Ovviamente l’intervistatore non sa chi mente e, tramite le domande, deve riuscire a capirlo da solo.

Ripetendo il gioco per un numero consistente di volte, ci sarà sicuramente una percentuale di errore nelle risposte definitive dell’intervistatore.

La seconda fase del test prevede la sostituzione di uno dei due partecipanti con un computer e l’intervistatore dovrà capire se a rispondere è un uomo o una macchina. Se alla fine del test di Turing il tasso di errore è lo stesso o inferiore alla sessione precedente, il test è superato e possiamo affermare che la macchia sia intelligente.

La storia dei captcha

Sebbene ci sia ancora qualche diatriba su chi abbia realizzato per primo questo strumento di sicurezza, possiamo affermare che i codici captcha nascono nel 1997 all’interno dei laboratori di ricerca di Altavista.

Altavista è stato tra i primi motori di ricerca a passare in rassegna il web e il loro obiettivo era quello di creare un sistema che impedisse ai bot, o ad altri script informatici, di inserire risultati falsi all’interno delle ricerche del motore.

Gli ingegneri presero tra le mani il manuale di istruzione di uno scanner presente nei loro laboratori e, dopo aver scansionato il testo, iniziarono a deformarlo per renderlo quasi illeggibile. L’idea alla base di questa procedura è quella che un programma informatico, come un bot o uno script, non è in grado di interpretare lettere e numeri distorti.

L’unica cosa che possono fare è quella di tentare l’inserimento di lettere casuali, rendendo statisticamente improbabile il superamento del test. Gli studi fatti dagli ingegneri di Altavista, furono un successo completo e, come affermato da loro stessi, la percentuale di siti spam si ridusse del 95%.

Cosa sono i codici Captcha

Cosa sono e come funzionano i codici captcha

Dopo aver visto la storia della nascita dei codici captcha e quali sono le basi della sua ideazione, andiamo a vedere in cosa consistono davvero e come funzionano.

Volendo andare nello specifico, un codice captcha è un programma che protegge siti web dai bot o altri script informatici, generando dei test risolvibili, seppur con qualche difficoltà, esclusivamente dagli esseri umani.

Al contrario delle macchine, che non riescono a leggere parole distorte, l’occhio umano, essendo abituato a vedere lettere continuamente diverse (stili diversi, grafie diverse) è in grado di decifrarle con assoluta sicurezza.

Questi test, quindi, vengono utilizzati per impedire che computer e bot utilizzino alcuni servizi web, oppure entrino in possesso di informazioni riservate, come i dati sensibili. Questa tecnica di sicurezza viene generalmente utilizzata nel caso di sondaggi online, form di iscrizione, servizi di posta elettronica e tanti altri moduli web.

I codici captcha, inoltre, prevengono la diffusione dello spam. Richiedendo al mittente di inserire un codice per ogni messaggio che intende inviare, si previene l’invio automatizzato di migliaia di e-mail spam.

Ti stai chiedendo come funzionano a livello informatico i captcha?

Un codice captcha, solitamente, è formato da due stringe alfanumeriche di lunghezza variabile. La particolarità di queste stringhe sta nel modo in cui appaiono sul monitor. Infatti, le lettere i numeri sono distorte e semi cancellate, in modo da renderle difficilmente comprensibili all’uomo e, praticamente indecifrabili per un qualsiasi software.

Per riuscire a superare il test e proseguire nella navigazione, dunque, bisognerà trascrivere esattamente il codice automatico che ci troviamo davanti. Nel caso in cui il codice sia giusto si potrà usufruire del servizio mentre, in caso di inserimento errato anche di un solo carattere, comparirà un nuovo codice captcha da inserire.

I codici captcha classici vengono, ancora oggi, utilizzati in alcune proprietà web ma i bot più avanzati sono in grado di sfruttare l’apprendimento automatico per identificare le lettere distorte. Nel prossimo articolo parleremo dei reCaptcha e dei reCaptcha di terzo livello.

Segui il Blog di SEOM per rimanere sempre aggiornato su tutti gli argomenti legati al web e al mondo digitale.

Noi di SEOM ti possiamo fornire una consulenza professionale per i servizi digitali e l’elaborazione di una strategia di comunicazione. Contattaci e ti aiuteremo a valorizzare la tua azienda. Scrivici ad info@seom.online oppure compila il forum qui.

Seguici per altre info... sempre su www.seom.online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Prenota una consulenza o chiedi un preventivo

In un'epoca in continua evoluzione, restare al passo con i tempi è di fondamentale importanza.
Scopri come la tua azienda può cavalcare l'onda del digitale.

Prenota ORA la tua consulenza, compila il form qui accanto!

email: info@seom.online
tel: +393807414690
cross