Cosa si può fare per evitare di essere un micromanager

06 Marzo 2022

E' probabile che tu stia controllando le tue persone in modo troppo minuzioso. Se si vuole che loro (e voi) crescano, cosa si può fare per evitare di essere un micromanager.

Tutti possono essere "inconsapevolmente" causa di questo problema sia nuovi sia vecchi manager

Uno dei problemi più "fastidiosi" che si verifica nelle aziende, siano esse multinazionali siano di piccole dimensioni, é il micromanaging

Ma cosa è e in cosa consiste?

Il micromanaging, se non viene affrontato, può seriamente ridurre il successo e la carriera dei tuoi collaboratori e causare spesso l'esaurimento e lo stress delle loro relazioni e dei loro colleghi diretti.

Paradossalmente, sono le stesse abitudini che sono servite ai micromanager per ottenere così tanto successo nelle loro carriere, concentrazione sui dettagli, orientamento ai risultati, esigenza di alta qualità, comportamenti "get-it-done" - a renderli micromanager quando si avviano verso una posizione di leadership.

Il passaggio da "esecutore" a "manager" è un processo spesso difficile.

Come tutti i settori di attività professionale e di cambiamento, la conseguenza è una combinazione di cambiamento del modo di pensare e delle azioni di una persona. Ambedue devono avvenire per creare dei risultati permanenti.

Il tuo obiettivo prioritario è quello di completare il progetto? Considera le tue risorse come se fossero degli strumenti per il completamento. Tenderai a dare istruzioni, e a volte anche ordini, per determinate azioni da svolgere in modi precisi.

Se sei il capitano di una imbarcazione che si avvia verso una riva rocciosa, è fondamentale riuscire ad assicurarsi l'osservanza delle regole.

Però quando il tuo obiettivo è quello di realizzare un team ad alte prestazioni che cresce e accresce le competenze, la compliance non è un atteggiamento sostenibile. Al contrario, si vuole l'impegno. L'impegno si ottiene solo quando le persone accettano un incarico di loro spontanea volontà e anche quando hanno la possibilità di rifiutare in tutta onestà.

Anziché impartire istruzioni e direttive, chiedi alle stesse persone se sono interessate ad intraprendere il lavoro. Se si rifiutano, chiedi perché e cosa devi fare per farle accettare di buon grado. Necessitano di preparazione, di strumenti o di tempo? Assieme, cercate di trovare il modo di modificare il progetto in qualcosa che sia gradevole. Tali discussioni possono sfociare in occasioni di apprendimento e in potenti opportunità di coaching.

Impara i diversi metodi con cui si può evitare l'essere micromanager e diventerai un leader più affidabile e di sicuro successo:

Ecco cosa si può fare per evitare di essere un micromanager: Suggerimenti per lottare "il micromanagement"

  • Fare pratica nel delegare: Non essere in grado di delegare in maniera efficace porta al microgestione non-intenzionale. Una efficace delega fa affidamento sulle competenze dei tuoi dipendenti e dà la possibilità di potenziare il loro set di competenze. Fidarsi dei propri collaboratori li stimola a fare un miglior lavoro ed a guidare verso un lavoro più collaborativo. Ecco cosa si può fare per evitare di essere un micromanager
  • Focalizzarsi sulla capacità di gestire la cultura: I leader più efficaci si interessano di più a come gestire la loro struttura che a gestire il loro team. Il micromanaging non può funzionare con una buona base a livello culturale. Se ti concentri sui valori della tua impresa, hai meno tempo per controllare le attività dei tuoi collaboratori. Quando i collaboratori si rendono conto che i propri leader stanno portando avanti una cultura efficace, non solo saranno più efficienti, ma anche più motivati a portare a termine il lavoro.
  • Stabilire delle aspettative trasparenti: Definire le attese in anticipo prepara la tua squadra al sucesso, più sei trasparente, meglio i tuoi collaboratori si comporteranno. Molti dirigenti fanno microgestione perché si ritengono i più adatti al loro compito, ma spesso cadono nell'abitudine di fare il loro lavoro da soli, senza delegare ciò che si vorrebbe che raggiungessero e non come si dovrebbe fare. Comincia a delegare impostando queste aspettattive e affidando ai tuoi collaboratori di fare il resto.
  • Chiedi ai tuoi collaboratori come vorrebbero essere guidati: Comincia a chiedendo al tuo team quale tipo di direzione sarebbe meglio per loro. Una buona organizzazione si crea rispettando i desideri e le priorità del tuo team. I migliori leader aiutano a combattere il micromanagement attraverso la raccolta di feedback da parte dei collaboratori. In questo modo non soltanto i leader ricevono delle informazioni importanti per creare la propria identità, ma creano anche un clima di fiducia e di armonia all'interno del team.

Abbi fiducia nel tuo team:

La base della gestione micromanuale è una carenza di base di fiducia. Non ha importanza da dove derivi la tua mancanza di fiducia, ma costruire le basi della fiducia sul lavoro consentirà al tuo team di essere indipendente e di aumentare la produttività. Mettere in pratica nuovi modi di fidarsi del tuo team è un ottimo modo per stimolare te stesso a concedere deleghe in modo efficace. Hai ingaggiato i tuoi collaboratori per un motivo, confida che svolgano il lavoro che eri sicuro potessero fare.

Scaricare le proprie responsabilità: Vincere il micromanagement è difficile, specialmente se si rinuncia ai doveri che normalmente si svolgerebbero da soli. Dare al tuo team più opportunità di assumersi responsabilità può aumentare la creatività e la collaborazione. Anziché rimanere nei dintorni per controllare ogni compito, discuti il progetto, le strategie e le questioni in anticipo e fidati del gruppo per fare il lavoro importante. Renditi disponibile a risolvere le eventuali domande e a dare un feedback se richiesto e lascia che tu ti focalizzi sulla guida e non sulla gestione.

Da "gestore come responsabile dei compiti" a "manager come coach"

Vuoi imparare ad evitare di essere un micromanager? Evita di fare il lavoro da solo. Pensa invece come un coach e fai delle domande.

  • Cosa hanno provato?
  • Che cosa hanno appreso?
  • Quali sono gli argomenti che non sono riusciti ancora a provare?
  • Cosa potrebbero provare dopo?

Avvicinati alla questione come un coach, li guiderai nella ricerca di alternative e gli insegnerai come risolvere il problema da soli.

Prima di dare suggerimenti, chiedigli se li gradiscono. Chiedi: "Vuoi che ti dia qualche idea?" prima di cominciare con la descrizione di tutte le soluzioni che pensi debbano fare. Ottieni il permesso per ascoltare realmente e per mantenere il loro controllo. Un suggerimento non richiesto può trasformarsi in un'altra scusa per cui è stata colpa tua, non loro, e forse un'altra motivazione per cui qualcosa non ha funzionato.

Ecco cosa si può fare per evitare di essere un micromanager: conclusioni

Realizzare con successo tali cambiamenti può essere una trasformazione per il leader e per i suoi colleghi. Il cambiamento da " gestore come responsabile dei compiti" a " manager come coach" crea una possibilità enorme per la crescita professionale.

Se fatto bene, apre il potenziale che non avevano prima e senza alcun dubbio accelererà la carriera di un leader. Se è fatto male, risulterà purtroppo una lotta costante, un avvicendamento di collaboratori e risultati poco brillanti.

Quali consigli hai per smettere di fare microgestione? Condividili qui sotto nei commenti o contattaci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Prenota una consulenza o chiedi un preventivo

In un'epoca in continua evoluzione, restare al passo con i tempi è di fondamentale importanza.
Scopri come la tua azienda può cavalcare l'onda del digitale.

Prenota ORA la tua consulenza, compila il form qui accanto!

email: info@seom.online
tel: +393807414690
cross